Lettura in anteprima:

Lettura in anteprima: "Pensa e arricchisci te stesso"

NAPOLEON HILL PENSA E ARRICCHISCI TE STESSO

Le principali caratteristiche della leadership

Ecco undici fattori essenziali per la leadership:

Incrollabile coraggio, fondato sulla conoscenza di sé e della propria professione. Nessun seguace desidera essere comandato da un leader che manca di fiducia in se stesso e di coraggio. Nessun seguace intelligente sarà comandato molto lungo da un leader di questo tipo.

Autocontrollo. L’uomo che non riesce a controllare se stesso non può mai controllare gli altri. L’autocontrollo stabilisce inoltre un esempio potente per i seguaci, che i più intelligenti emuleranno.

Uno spiccato senso di giustizia.  Senza un senso di equità e di giustizia, nessun leader può comandare e mantenere il rispetto dei suoi seguaci.

Sicurezza nelle decisioni.  L’uomo incerto delle sue decisioni dimostra che non è sicuro di sé.  Pertanto, non può guidare con successo gli altri.

Chiarezza dei piani. Il leader di successo deve pianificare il suo lavoro e far lavorare il suo piano. Un leader che procede per tentativi, senza piani concreti e precisi, è paragonabile a una nave senza timone. Prima o poi si infrangerà contro gli scogli.

L'abitudine di fare di più di quello per cui è pagato. Un sovrapprezzo richiesto alla leadership è la necessità della volontà, da parte del leader di fare di più dicono che richiede i suoi seguaci.

Una personalità attraente. Nessuna persona sciatta o trasandata può diventare un leader di successo. La leadership richiede rispetto. I seguaci non rispetteranno un leader che non esprima  a un alto livello tutti fattori di una personalità attraente.

Simpatia e comprensione. Il leader di successo deve essere in sintonia con i suoi seguaci. Inoltre deve capirli e capire i loro problemi.

Padronanza dei dettagli. Una leadership di successo richiede la padronanza dei dettagli da parte del leader.

La volontà di assumersi la piena responsabilità. Il leader di successo deve essere disposto ad assumersi la responsabilità per gli errori e le mancanze dei suoi seguaci. Se tenta di scaricare questa responsabilità sugli altri, non rimarrà il leader. Se uno dei suoi seguaci commette un errore e si dimostra incompetente, il leader deve  considera riconoscere il fatto è stato lui ad aver commesso un errore.

Cooperazione. Il leader di successo deve capire e applicare il principio dello sforzo cooperativo ed essere abile nell’indurre i suoi seguaci a fare lo stesso. La leadership richiede potere, e il potere richiede cooperazione.

SplendidaSerata22072014

Ci sono due forme di leadership. La prima, e di gran lunga la più efficace, è la leadership che ha il consenso e la simpatia da parte dei seguaci. La seconda è la leadership sostenuta dalla forza, senza il consenso la simpatia dei seguaci.

La storia è piena di prove che la leadership sostenuta dalla forza non può durare. La  caduta e la scomparsa di dittatori e re è significativa in tal senso. Indica che le persone non seguiranno una leadership forzata  a tempo indeterminato.

Il mondo è entrato in una nuova era di relazioni tra leader e seguaci, che in modo molto chiaro  reclama nuovi  leader e nuovi tipi di leadership nel commercio e nell’industria. Coloro che appartengono alla vecchia scuola della leadership forzata devono acquisire una comprensione del nuovo tipo di leadership (cooperazione) o saranno  relegati al ruolo di seguaci. Non c’è altra via d’uscita per loro.

La relazione tra datore di lavoro e lavoratore, o tra leader e seguace, in futuro, sarà di reciproca collaborazione, basata su una divisione equa dei profitti dell’impresa. In futuro, il rapporto tra datore di lavoro e lavoratore sarà più simile a una partnership di quanto non lo sia mai stato in passato.

Napoleone, il Kaiser Gugliemo, lo zar di Russia, il re di Spagna, Hitler sono stati esempi di leadership sostenute con la forza. La loro leadership non ha lasciato tracce. Senza molta difficoltà, si potrebbero individuare i prototipi questi ex leader, nel campo degli affari, della finanza e del sindacato americani che sono stati detronizzati o sono in  procinto di esserlo. La leadership per consenso dei seguaci è l’unico tipo di leadership che può durare.

Le persone possono seguire la guida forzata temporaneamente, ma non lo faranno volentieri.

Il nuovo tipo di leadership abbraccerà gli undici fattori di leadership descritti in questo capitolo, così come alcuni altri fattori che saranno indicati di seguito. La persona che stabilisce questi fattori alla base della sua leadership, troverà abbondanti opportunità di guidare gli altri in ogni ambito della vita. La grande depressione è stata prorogata, in gran parte, perché il mondo mancava della leadership del nuovo tipo. Alla fine della depressione, la domanda di leader capaci di applicare i nuovi metodi di leadership ampiamente superato l’offerta. Alcuni leader di vecchio tipo sapranno cambiare e adattarsi al nuovo tipo di leadership, ma in generale il mondo dovrà cercare nuovo materiale per la sua leadership.

Questa necessità può essere la tua opportunità!

SplendidaSerata29072014

La troviamo ancora nella storia delle Mille e una notte Alì Babà e i Quaranta Ladroni. L’ho visto realizzato come film.

Alì Babà ha un nascondiglio segreto, occultato da qualche parte tra le montagne e le rocce. E’ possible entrarvi soltanto pronunciando una parola segreta: “Apriti Sesamo!”

Alì Babà si volge verso la montagna ed esclama: “Apriti Sesamo!”, e la roccia scorre via di lato.

E’ una storia molto stimolante, perché ti aiuta a realizzare come le TUE rocce e barriere si separeranno alla giusta parola.

Affermiamolo allora: Le mura della mancanza e dell’impedimento ora si sbriciolano, ed entro nella mia Terra Promessa, nella grazia.

SplendidaGiornata28072014

Le dieci cause principali del fallimento nella leadership

Veniamo ora ai principali errori che commette il leader che fallisce, perché è altrettanto essenziale sapere cosa non fare quanto sapere cosa fare.

 Incapacità di organizzare i dettagli. Una leadership efficace richiede capacità di organizzare e di padroneggiare i dettagli. Nessun leader autentico è mai “troppo occupato" per fare qualcosa che può essergli richiesto nella sua veste di leader. Quando una persona, sia essa un leader un seguace, afferma di essere “troppo occupato” per cambiare i suoi piani o per prestare attenzione a qualsiasi emergenza, sta affermando la sua inefficienza. Il leader di successo deve essere il padrone di tutti i  dettagli legate la sua posizione. Ciò significa, naturalmente, che deve acquisire anche l’abitudine di relegare i dettagli  a luogotenenti capaci.

Riluttanza a prestare servizi umili. I grandi leader sono realmente disposte, quando lo richiede l’occasione, di eseguire qualsiasi tipo di  lavoro che avrebbero chiesto un altro di eseguire. “Il più grande tra voi sarà servo di tutti”: è una verità, questa, che tutti  il leader capaci osservano le rispettano.

Aspettativa di essere pagati per quello che “sanno” anziché per quello che fanno con ciò che sanno. Il mondo non paga per quello che le persone “sanno”.  le paga per quello che fanno, o inducono gli altri a fare.

Paura della concorrenza dei seguaci. Il leader che teme che uno dei suoi seguaci possa scalzarlo dalla sua posizione è praticamente certo, prima o poi, che quella sua paura si realizzi. Il leader abile a destra chi posso sostituirlo delegandogli quando necessario alcune mansioni della sua posizione. Solo in questo modo un leader può moltiplicare se stesso, prepararsi ad essere in molti luoghi contemporaneamente e prestare attenzione a molte cose in una volta sola. Si tratta di una verità eterna che le persone ricevono maggior compenso dalla loro capacità di indurre gli altri a lavorare con profitto rispetto a quello che potrebbero guadagnare basandosi unicamente sulle proprie forze. Un leader efficiente può, attraverso la conoscenza del suo lavoro e il magnetismo della sua personalità, aumentare notevolmente l’efficienza degli altri, e indurli a rendere un maggiore e un migliore servizio di quello che potrebbero fare senza il suo aiuto.

Mancanza di immaginazione. Senza immaginazione, il leader è incapace di soddisfare le esigenze e di creare piani in base ai quali guidare i suoi seguaci in modo efficiente.

Egoismo. Il leader che si arroga tutto il merito per il lavoro dei suoi seguaci è certo di ingenerare risentimento. Il vero grande leader non reclama per sé  nessun merito  e nessun onore. Egli si accontenta di vedere che i meriti gli onori, quando ce ne sono, vanno ai suoi seguaci, perché sa che la maggior parte delle persone lavora di più per la  lode è il riconoscimento di quello che farà soltanto per denaro.

Intemperanza. I seguaci non rispettano un leader intemperante. Inoltre, l’intemperanza, in una qualsiasi delle sue varie forme, distrugge la  resistenza e la vitalità di tutti coloro che ne sono preda.

Slealtà.  Forse questa causa  avrei dovuto porla  al primo posto nella lista. il leader che non è leale  verso chi pone in lui la sua fiducia, i suoi collaboratori, che siano sopra o sotto di lui, non riesce a mantenere a lungo la sua leadership. La slealtà lo marchia col segno del disprezzo e lo fa considerare meno importante della polvere della terra. La mancanza di lealtà è una delle principali cause di fallimento in ogni ambito della vita.

L’enfasi posta nella “autorità” della leadership. Il leader efficiente guida i suoi seguaci incoraggiandoli, e non cercando di instillare la paura nei loro cuori. il leader che cerca di impressionare i suoi seguaci con la sua “autorità” rientra nella categoria della leadership sostenuta con la forza. Se un leader è un vero leader, non avrà bisogno di pubblicizzare il suo ruolo eccetto che con la sua condotta –  la sua simpatia, comprensione, lealtà e la dimostrazione che conosce il suo lavoro.

Enfasi posta sul proprio titolo. Il leader competente non richiede alcun “titolo” per ottenere il rispetto dei suoi seguaci. La persona che pone un eccesso di rilevanza sul suo titolo ha generalmente poco altro da enfatizzare. Le porte dell’ufficio del vero leader sono aperte per tutti coloro che desiderano entrare, e i  suoi luoghi di lavoro sono esenti da formalità o ostentazione.

SplendidaGiornata22072014