Il potere attrattivo della mente (prima parte)

Il potere attrattivo della mente (prima parte)

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA, SCOPRI A51 BENESSERE SHOP


Attraverso le nostre condizioni mentali stiamo sempre attirando verso di noi cose buone o cattive, benefiche o dannose, piacevoli o sgradevoli. È possibile uno stato mentale che, se mantenuto costantemente, attirerà verso di te denaro, terreni, possedimenti, lussi, salute e felicità. È una condizione mentale sempre serena, calma, determinata, decisa, composta e concentrata su uno scopo il cui fine è il bene duraturo, prima per te stesso, poi per gli altri.
Esiste un altro stato mentale che, se mantenuto costantemente, allontanerà da te la prosperità e la salute. È solo una piccolissima parte di ciò che esiste nell'universo che può essere vista, toccata o altrimenti resa evidente ai sensi fisici. La maggior parte di ciò che esiste e ha forma, forma e colore, non può essere vista, sentita o altrimenti resa evidente ai sensi fisici. Ciò che chiamiamo spazio è colmo di realtà. Non esiste qualcosa come uno “spazio vuoto”. Queste realtà potrebbero essere evidenti ai nostri sensi spirituali o più fini se fossero sviluppati. Man mano che questi sensi più fini si aprono, sempre più di queste cose o realtà diventeranno evidenti per noi.
Qualsiasi cosa tu pensi, la crei effettivamente. Stai continuamente creando queste realtà invisibili con i tuoi pensieri. Se pensi a qualcosa anche solo per un secondo, ne fai una realtà invisibile per un secondo. Se ci pensi per ore, giorni e anni, in qualche modo porterai quella realtà a te nel mondo fisico.
Se mantieni qualsiasi idea, buona o cattiva, nella tua mente da mese a mese e da anno ad anno, la rendi una realtà invisibile più duratura, e man mano che diventa più forte, alla fine deve prendere forma e apparire nel mondo visibile e fisico.
A qualsiasi cosa tu pensi, ne attrai il simile dalle correnti invisibili delle realtà. Pensare o soffermarsi su una qualsiasi forma di crimine significa attrarre e attirare verso di te realtà criminali dal lato invisibile della vita. Queste realtà invisibili sono le forze che attraggono verso di te le azioni materiali corrispondenti.
Quando leggi con interesse sul tuo giornale mattutino di omicidi, furti, scandali e terribili incidenti in mare e in terra, stai attirando verso di te cose invisibili della stessa natura. Ti connetti con questo ordine inferiore di realtà spirituali, e restando poi in questa corrente mentre leggi con interesse, giorno dopo giorno, sei più propenso a portare qualche forma di questi orrori e miserie a te. Queste realtà invisibili formano una corrente di elemento reale nel mondo invisibile delle realtà. Connetti il tuo spirito con questa corrente quando tieni in mente queste cose agghiaccianti. Quella corrente poi agisce su di te. Sei trasportato e portato da essa. Porterà a te gli elementi del crimine o del male ancora più velocemente. Se ami leggere degli atti di ladri e ladroni, è più probabile che tu abbia ladri e ladroni intorno a te e nella tua casa. Tu e loro sarete portati insieme, perché tu e loro siete nella stessa corrente di pensiero. Né tu né il ladro siete consapevoli del potere che vi porta insieme. Ma nessun potere è così irresistibile come quello la cui azione su di noi e la cui stessa esistenza ci sono completamente ignote.
Se pensi per dieci secondi a qualcosa di spaventoso o orribile, qualcosa che provoca dolore fisico o disagio mentale a un altro, allora metti in moto una forza per attirare qualche forma di questo problema a te. Se pensi per dieci secondi a qualcosa di piacevole, allegro o bello – qualcosa che può dare piacere a un altro senza lasciare alcuna ferita dietro – allora metti in moto una forza per portare un po' di questo piacere a te.
Più a lungo concentri la tua mente su una cosa, sia essa cattiva o buona, più la rendi forte come una realtà invisibile. Alla fine, man mano che la tieni a mente o ci concentri su di essa, si deve manifestare nel mondo visibile e fisico come un'agenzia per il dolore o il piacere.
Il potere di fissare la mente persistentemente su uno scopo definito, o in un certo stato d'animo – diciamo di calma determinazione, o di mantenere la mente da essere disturbata – non è attualmente molto comune.
Guarda molte persone intorno a te. Su cosa, anno dopo anno, è fissato il loro pensiero o scopo? Sul ricevere il loro salario alla fine della settimana. Oltre a questo, nulla. Sul comprare un nuovo cappello, un nuovo vestito, un viaggio di piacere. Oltre a questo, nulla. Sul vivere di giorno in giorno o di settimana in settimana. Oltre a questo, nulla. Molti non riescono a fissare la loro mente su uno scopo utile per due giorni di seguito. È questa cosa desiderata ardentemente oggi, qualcos'altro domani.
Le loro forze mentali spingono per un po' su questa cosa, poi la abbandonano, poi spingono un po' sul prossimo capriccio o fantasia e poi abbandonano anche quello. Non c'è una spinta costante o un esercizio di potere attrattivo su una cosa sola.
Queste sono le persone che realizzano molto poco, che sono sempre povere e spesso in cattiva salute. Queste menti, se si fissano, si fissano spesso su cose inutili e dannose. Leggeranno con avidità di orrori e impiccagioni. Più queste informazioni sono lunghe e dettagliate, più le apprezzano. Amano il dramma che rappresenta violenza o tortura emotiva. Una vasta quantità della loro forza va in questa direzione. È una forza che attira verso di loro qualche forma di male. Se girata in un'altra direzione, attirerebbe verso di loro il bene.
Il mondo invisibile e le correnti superiori di realtà invisibili sono piene di cose luminose e belle – piene delle corrispondenze spirituali di tutti i lussi, le necessità e le cose buone godute qui – e ancora più piene di cose belle che qui non sono mai state viste e godute. Quando le menti qui impareranno, come faranno nel tempo, ad avere fede in queste esistenze e fede nei mezzi semplici per attrarle, fisseranno persistentemente il loro pensiero sul lato luminoso della vita. Arriveranno a sapere che più a lungo si sforzano di fissarlo sul lato più luminoso e sano, più potere avranno e meno sforzo costerà mantenerlo nella giusta direzione e in connessione con la corrente giusta, finché alla fine diventerà una “seconda natura” per loro vivere in queste realtà superiori, e, vivendo così, salute e prosperità affluiranno verso di loro.
Cesseranno allora di pensare, leggere, parlare e vivere così tanto nel grezzo, nell'orribile, nei lunghi racconti di crimini, avendo imparato che questi pensieri portano loro il male e danneggiano il loro potere di attirare a loro ciò che risulterà in un bene permanente.
Fissa la tua intenzione sull’abbondanza invisibile: fissa la tua intenzione sulle “cose di sopra”. Questa corrente superiore di pensiero contiene le corrispondenze, in sostanza invisibile, di tutto ciò che è buono per noi da usare e godere, e ancora di più di gioie che non realizziamo ancora. Queste sono le “cose di sopra”.
Coloro che si concentrano su orrori, atrocità, crimini e miserie, su cui ora tante persone fissano i loro affetti o pensieri, stanno fissando le “cose di sotto”. Il male di qualsiasi tipo dovrebbe essere pensato e affrontato solo abbastanza a lungo per rimediare a esso. Nessuno rimane in una fogna più a lungo del necessario per svuotarne il contenuto. Vuoi toglierti dalla mente il più presto possibile il tuo raffreddore, il tuo dolore, il tuo ultimo infortunio alla caviglia o l'ultima ingiustizia subita da un'altra persona e non continuare a crearli di nuovo e di nuovo, pensandoci sempre, rimuginandoci sopra e raccontandoli ad altri ogni volta che ne hai l'occasione.
Tale stato mentale può diventare abituale, una “seconda natura” e un potere per attrarre povertà e cattiva salute. Il contatto costante con il crimine, la miseria o il male di qualsiasi tipo, o anche solo il pensiero di esso, alla fine genererà un appetito innaturale e malsano per esso. Così, alla fine, le persone preferiscono parlare a colazione di malattie e scene di morte piuttosto che di salute, o di crimini e orrori piuttosto che di cose allegre, pacifiche e piacevoli.
Tutto questo parlare e pensare, soffermandosi sulla miseria, danneggia il tuo potere di attrarre cose buone verso di te. È un mezzo diretto per togliere denaro dalla tua tasca e salute dal tuo corpo. Vivere sempre nel pensiero della malattia porterà sicuramente la malattia a te.
Per tale motivo, coloro che hanno studiato la follia, sono diventati loro stessi pazzi, come fece un eminente medico alcuni anni fa. Come fece il sovrintendente di uno dei più grandi manicomi di questo paese. Come fanno moltissimi di cui non sentiamo mai parlare.
La vasta quantità di materiale stampato e letto da milioni riguardante le malattie e la morte di persone di grande visibilità pubblica come il generale Grant, il defunto imperatore Federico e altri, hanno portato milioni di menti, quale più quale meno, nel flusso di pensiero della malattia, del dolore e della miseria. Sarai più sano vivendo il più possibile nel pensiero e nell'ambiente ricchi di cose sane. Sarai più forte vivendo nel pensiero e nell'ambiente fisico di cose forti – di uomini e donne forti e vigorosi. Un circo, con i suoi cavalieri abili, i suoi acrobati e i suoi giocolieri, e il suo pubblico con la preoccupazione momentaneamente dimenticata e il sorriso sul volto, è un luogo molto più salutare e ti collega a una corrente di pensiero più salutare di una sala di dissezione o lo studio di un libro dedicato al racconto di qualsiasi forma di sofferenza o malattia.
Ciò che chiamiamo il potere attrattivo della mente non è il desiderio ardente di cose. Il desiderio implica impazienza, perché non arrivano così presto come vorremmo. Lo stato mentale dell'impazienza o allontanerà da te ciò che desideri o ne ritarderà l'avvicinamento. Quando il tuo pensiero prende questa forma: “Voglio la cosa desiderata ora – proprio ora; sono stanco di aspettare; non ce la faccio più ad aspettare; sono stanco e nauseato di aspettare”, sei nello stato mentale sbagliato. Stai qui impiegando la tua forza per rimproverare, affliggerti o lamentarti, perché ciò che desideri non arriva. Quando rimproveri, ti lamenti o ti addolori perché le cose che desideri non arrivano, la tua forza è impostata su quel rimprovero o dolore e non sta lavorando per portarle a te. È analogo all'uomo che, in un attacco di rabbia, distrugge il suo carro perché è impantanato nel fango: la forza che ha usato per distruggerlo avrebbe potuto tirarlo fuori.


(1 – continua)

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE DI AREA51 PUBLISHING

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA, SCOPRI A51 BENESSERE SHOP